Caricamento

Cistite

Ho contratto una cistite, che cosa devo fare ? (Piccola guida riassuntiva)

cistite acqua1. La prima cosa da fare appena si osservano i primi sintomi della cistite è bere molto. Bevete direttamente 1 litro di acqua o delle tisane a base di piante medicali contro le cistiti. Bevete ancora 1 litro delle bevande menzionate durante il resto della giornata (dunque in totale 2 litri al giorno).

2. In seguito,consultate un medico che vi farà delle analisi delle urine con l’aiuto di piccole bande (test per la cistite) per confermare se si tratta o no di una cistite. Se si tratta effettivamente di una cistite, vi prescriverà degli antibiotici. Il medico potrà ugualmente prescrivervi degli antinfiammatori per placare il dolore.

Prima di tutto, potete comprare in farmacia un semplice test diagnostico da fare a domicilio (in vendita in Svizzera sotto il nome di Monulab® Diagnostic Test)®) per identificare autonomamente la presenza o meno di una cistite.

Questo permette di confermare la presenza di batteri e globuli bianchi nelle urine. Nel caso il test dovesse risultare positivo, dovete ugualmente recarvi presso un medico, che vi prescriverà allora quasi sicuramente, degli antibiotici.

3. Alla fine, potrete completare la terapia classica (antibiotici) con dei rimedi a base di piante.

CistiteLa domanda al farmacista (risposta della dott.ssa Van Nguyen, farmacista)
"E’ possibile avere rapporti sessuali mentre si ha un’infezione urinaria (cistite per es.) ?" di Sofia dal forum sulla salute di creapharma (versione francese di creafarma)

Risponderei di sì. Tuttavia, è possibile avere rapporti sessuali solo quando l'infezione del tratto urinario non è batterica (altrimenti vi è rischio di trasmissione).
Se ​è così, è meglio per proteggervi. Altrimenti, se il sesso non è doloroso, non c'è motivo particolare di astenersi.

Intervista con il nostro consulente medico Dr. Rafanotsimiva

1. Quali sono i sintomi che si presentano più frequentemente in caso di cistite? Ci sono dei sintomi che sono semprepresenti? Altri meno frequenti?
In  caso di cistite, l'infezione si presenta spesso bruscamente, a differenza delle altre infezioni urinarie.
La pollachiuria (frequente stimolo a urinare) è il sintomo che si verifica più comunemente. È spesso associata ad una urgenza minzionale e bruciore durante la minzione e spesso la quantità di urina eliminata è scarsa. Meno frequentemente, si possono osservare dolori sovrapubici, una leggera febbre o un'ematuria macroscopica (presenza di sangue nelle urine).

2. Quando si deve consultare un medico?
Ê necessario rivolgersi ad un medico se si è affetti da diabete (diabete mellito), o se i sintomi durano per più di una settimana.

 
3. Se una persona soffre di cistite cronica (frequente), dovrebbe prendere antibiotici come trattamento preventivo? Esistono alternative agli antibiotici, che siano efficaci e comprovate?
A causa del rischio di propagazione dei germi nelle vie urinarie superiori (ureteri e reni), in caso di cistite cronica è raccomandato un trattamento preventivo con antibiotici, generalmente a base della combinazione trimetoprim-sulfametossazolo, una volta al giorno o tre volte alla settimana, oppure a base di nitrofurantoina o di fluorochinoloni. In caso di recidive, il trattamento preventivo può essere ripetuto per un  periodo di 2 o 3 anni.
Attualmente, in sostituzione al trattamento antibiotico non esiste nessun trattamento alternativo che si sia dimostrato efficace.

Definizione


CistiteUna cistite acuta non complicata viene definita come un’infezione della vescica che provoca un’infiammazione. Si tratta di un’infezione essenzialmente femminile.

Questa malattia infettiva è causata principalmente da batteri che risalgono le vie urinarie fino alla vescica. Per circa il 70% dei casi, i batteri responsabili delle cistiti sono degli enterobatteri del tipo Escherico coli .

Le cistiti colpiscono  ben più spesso le donne che gli uomini,  questo fenomeno risulta da una differenza anatomica, l’uomo possedendo in particolare un uretro più lungo, ciò che permette una migliore protezione contro la risalita potenziale di germi provenienti della regione anale.

Questo problema riguarda  dieciventi per cento delle donne ogni anno. Si tratta di una delle prime cause di una consulenza medica.

Epidemiologia

CistiteLa cistite colpisce molto più spesso le donne rispetto agli uomini, e ciò è in gran parte dovuto a differenze anatomiche, dato che l'uomo tra l'altro ha l'uretra più lunga, che permette una migliore protezione. In media l'uretra femminile misura 4 centimetri e quella maschile 20 cm. La probabilità che i batteri risalgano l'uretra per raggiungere la vescica nell'uomo è quindi molto più bassa.
Inoltre l'uretra delle donne è abbastanza vicino l'ano, altro fattore che spiega la maggiore incidenza di cistite nelle donne.

Dal 10% al 20% delle donne sarebbero ogni anno colpite da una cistite, questo ne fa una delle prime ragioni di consulenza mediche.

Notiamo anche che 10% delle donne che hanno una cistite possono soffrire di cistiti a ripetizione, in questo caso una consulenza medica diventa necessaria.

Cause

Le cistiti sono generalmente causate da batteri che rimontano verso le vie urinarie, certe situazioni possono allora favorire il suo sviluppo:

Cistite- Una pessima igiene, in particolare modo per quanto riguarda le regioni intime per una donna.

- Dei rapporti sessuali per una donna.

- Delle malformazioni al livello dell’apparecchio urinario.

- Il diabete di tipo I o II

- L’uso di sonde urinary

- Una gravidanza (in seguito alla compressione del feto sulla vescica, ciò che impedisce uno svuoto completo).

Cistite- La menopausa (entro 50 e 60 anni il rischio di sviluppare delle cistiti ripetute è relativamente elevato), il calo ormonale in questo periodo riduce la protezione a livello della vescica. Inoltre in menopausa si osserva un cambiamento del pH vaginale, che favorisce l'ingresso di Escherichia coli.

Persone a rischio

CistiteTutte le donne possono soffrire di cistite, ma:
- In particolare le donne di una certa età, quando la produzione di ormoni, che ha un effetto protettivo, diminuisce.

- Le ragazzine giovani che talvolta non hanno ancora un’igiene adatta (asciugarsi correttamente, ecc).

Gli uomini sono meno colpiti da questo problema, ma gli uomini che hanno problemi alla prostata saranno più colpiti dalle cistiti.

Sintomi

Una persona che soffre di cistite risente continuamente il bisogno di urinare (andare al bagno). Il volume d’urina emesso è spesso poco importante.

L’emissione d’urina è dolorosa (disuria) e spesso associata a delle sensazioni di bruciature risentite mentre si urina. Dei dolori possono anche essere rilevati al livello della spalla o del basso del ventre.

In caso di cistite è possibile avvertire una sensazione costante di vescica piena. Inoltre, la presenza di sangue nell’urina è in genere un segnale di un’infezione urinaria (cistite).

Avvolte un cattivo odore dell’urina emessa può anche indicare una cistite. Una cistite è spesso senza conseguenze gravi, ma può causare una infiammazione ed un infezione renale molto più pericolosa.

I segni di  complicazione sono ad esempio sangue nelle urine, forti dolori o forti febbri, una cistite per un uomo (rischio d’ ipertrofia della prostata), una cistite per un bambino o una donna incinta.

Diagnosi

La cistite può essere diagnosticata grazie all'anamnesi o a volte in casi critici (gravidanze,..) grazie a dei test clinici (per esempio una coltura urinaria o analisi delle urine), piû in particolare grazie alla coltura dei germi sensibili. La diagnosi viene sempre effettuata da un medico, l'unico che potrà stabilire unavera diagnosi.

Complicazioni

La cistite comporta assai raramente delle complicazioni. Ma in certi casi, quando un trattamento non è adatto o è inesistente , dei batteri possono rimontare al livello del rene, si parla allora di nefrite. Questo tipo di complicazione è problematica e può mettere il rene in pericolo, in caso di dubbio di cistite consultate subito un medico.

Quando consultare

bruciatureBisogna assolutamente consultare un medico quando si ha del sangue nelle urine, forti dolori o forte febbre, una cistite molto dolorosa e/o associata ad una febbre forte durante tre giorni, una cistite maschile (rischio di pertrofia della prostata), una cistite in un bambino on in una donna incinta. Nel caso di cistiti a ripetizione è ugualmente preferibile consultare un medico.

Attenzione , lista non esaustiva, per ogni sintomo sospetto, consultare un medico.

Trattamento

CistiteIl medico, dopo aver stabilito una diagnosi ed escluso rischi di complicazioni, potrebbe tipicamente prescrivere degli antibiotici di tipo  norfloxine per un corto periodo di tempo (in presa unica o per 3 giorni). Si tratta di farmaci antibiotici da prendere unicamente sotto prescrizione medica.

Altri antibiotici
La fosfomicina presenterebbe alcuni vantaggi rispetto ad altri antibiotici:

- Una sola compressa a base di fosmomicina permette in genere di curare una cistite

- Il tasso di resistenza agli antibiotici sarebbe più basso che con altri antibiotici (in particolare rispetto ai chinoloni)

- La fosfomicina presenterebbe meno effetti secondari come la diarrea o la nausea

- L'azione di questo antibiotico è più specifica: la fosfomicina riduce l'insediamento dei batteri, responsabili della cistite, nella zona della vescica.

Attenzione , come per tutti trattamenti antibiotici,  rispettate la durata del trattamento , ciò significa che anche se non risentite più i sintomi o i dolori associati alla cistite, continuate la terapia come indicato dal medico fino alla fine, ad esempio finire la scatola delle compresse prescritte, sennò contribuirete ad aumentare la resistenza agli antibiotici nelle nostre società.

Nei casi gravi o in caso di resistenza agli antibiotici presi per via orale, il medico può somministrare antibiotici per via endovenosa.

Anche se esiste una terapia a base di piante, un antibioterapia è spesso molto più raccomandabile.
Per tutt’altre domande sulla cistite, chiedete consiglio al vostro medico.

Fitoterapia

Esistono molte piante medicinali per curareprevenire le cistiti.

Tuttavia queste piante devono essere prese sotto il consiglio di uno specialista (farmacista, medico, …) che deciderà se utilizzare questa terapia in funzione dei sintomi, della frequenza e della durata della cistite. In effetti ben spesso un antibioterapia è prescritta da un medico.

Troverete qui sotto le piante  più utilizzate contro le cistiti in prevenzione e in trattamenti.

Piante utilizzate in prevenzione delle cistiti (a ripetizione)
fitoterapia cistiteIl mirtillo rosso, utilizzato sotto forma di succo.
cranberry cistiteIl cranberry (mirtillo rosso americano), utilizzato sotto forma di succo.

Piante per curare le cistiti

equiseto cistiteL’equiseto, utilizzato sotto forma di tisana o capsula.
Piante medicinali  betullaLa betulla, utilizzata sotto forma di tisane o capsula.
Rimedi della nonna uva ursinaL'uva ursina, utilizzata sotto forma di tisane o capsula.
Rimedi della nonna orticaL’ortica (in foglie), utilizzate sotto forma di tisane o capsula.

Rimedi della nonna cistite

Omeopatia

Cistitesapere che in caso di cistite se si vuole seguire un trattamento a base di omeopatia sono sopratutto i sintomi che devono definire i rimedi (quindi molto individualizzati), e non la malattia in sè.

Ecco comunque un rimedio omeopatico molto utilizzato durante la cisitte:

Cantharis, per esempio 9CH (cantharis 9CH). Per la posologia: 3 granuli da lasciar fondere sotto la lingua , a digiuno se possibile (3o4 volte al giorno).

Per avere più ampie informazioni (specialmente sui rimedi più specializzati in funzione dei sintomi) fatevi consigliare da un medico-omeopata o da un farmacista-omeopata.

Consigli utili cistite

Cistite- Bere molto : 1.5 a 2 litri di liquidi al giorno, perché come nel caso del raffreddamento, bere permette una diluizione e un’eliminazione dei germi infetti. Questo effetto è particolarmente utile al livello delle vie urinarie e della vescica.

- Potete applicare una borsa con acqua calda sulla parte bassa del ventre per diminuire il dolore durante la cistite.


Prevenzione cistite

Cistite- Avere una buona igiene intima, l’uso di saponi o agenti cosmetici troppo irritanti può favorire l’entrata d’agenti infetti.

- Evitare di bere delle bevande gassate o altre bevande frizzanti, privilegiare l’acqua , dei succhi a base di cranberry o tisane a base di piante medicinali contro le cistiti.

- Urinare quando il bisogno si fa sentire, non è consigliato “trattenersi” perché i germi sensibili possono proliferare più facilmente.

- Rispettare delle consegne d’igiene al bagno, per la donna, asciugarsi dal avanti all’indietro, in direzione dell’ano. Per evitare di contaminare le vie urinarie con degli agenti fecali infetti.

- Vestirsi con idumenti caldi ed evitare degli indumenti intimi sintetici (privilegiare degli indumenti intimi in cotone), troppo stretti o troppi corti. Si deve notare che la moda non aiuta le ragazze con i maglioni che lasciano spesso scoperta la pancia (attenzione in inverno ! ) perché come per i raffreddamenti, il freddo rende più fragile il sistema immunitario e aumenta così il rischio di avere una cistite.

- Cambiare regolarmente i propri  indumenti intimi , questo perché questi ultimi possono essere una sorgente di agenti infetti.

- Curare tutti i problemi di  stitichezza il più velocemente possibile, in effetti la stitichezza può favorire un fermento intestinale che potrebbe sboccare ad una propagazione di batteri verso le vie urinarie.

- A volte i rapporti sessuali possono favorire la venuta di cistiti, è consigliato di bere prima del rapporto e subito dopo avere urinato (svuotato la vescica), questo permette un “eliminazione” di certi germi suscettibili di provocare una cistite.

- Potete applicare una borsa con acqua calda nel basso del ventre per alleviare il dolore durante le cistiti.

- Se vi trovate nell’età della  menopausa, bisogna sapere che una secchezza vaginale sintomatica della menopausa può favorire delle infezioni urinarie. Parlatene con il vostro medico se dovesse essere il vostro caso.

Cistite- Lottate contro la  stanchezza e lo stress, in effetti quest’ultimi possono essere responsabili dell’apparizione di cistiti affaticando il sistema immunitario. Prendete ad esempio dei fortificanti o delle vitamine (>> vedi qui sotto).

- Aumentate le vostre difese immunitarie praticando ad esempio delle  saune , alimentandovi in modo sano con dei  frutti (ricchi in vitamina) o con degli yogurt, lattosi, ecc… Potete ugualmente prendere dei medicamenti a base d’ echinacea, di  vitamina C o dei medicamenti immunostimulanti a base d’estratti di germi (in vendita in farmacia) per rinforzare il sistema immunitario.

- Utilizzare dei succhi (250 ml ogni giorni) a base di piante di bacche (mirtilli ) come prevenzione contro le cistiti a ripetizioni.

- Evitare l'uso di assorbenti esterni, in particolare tra le donne che soffrono di cistiti ricorrenti. Preferire gli assorbenti interni .

 
Come si dice cistite nelle altre grandi lingue ?
 in inglese : cystitis  in tedesco : Blasenentzündung
France in francese : cystite  in spagnolo : cistitis
 in portoghese : cistite  
 
Informazioni sulla redazione: questo articolo è stato modificato il 18.05.2014.