Caricamento

Erbe medicinali

Erbe medicinali - Fitoterapia

Erbe medicinali - Piante medicinali - Fitoterapia

 

>> Erbe medicinali dalla A alla Z

Curare con le erbe - Curare con le piante - Fitoterapia Acerola erbe medicinali Erbe medicinali echinacea erbe
Erbe medicinali aloe

Curare con le erbe - Curare con le piante 

Malattie - Disturbi
A
Acidità di stomaco
Acne
Afte
Alito cattivo
Allergia
Amenorrea
Angina
Ansia
Artrite
Artrite reumatoide
Artrosi
B
Bronchite
Bruciature
C
Caduta dei capelli
Calcoli urinari
Cellulite
Cistite
Colesterolo
Congiuntivite
D
Depressione
Diarrea
Disfunzione erettile
Dismenorrea
E
Ematomi
Emorroidi
Endometriosi
Epatite
Eritemi solari
F
Febbre
Ferite
Forfora
G
Gambe pesanti
Gastroenterite
Gotta
H
Herpes labiale
Herpes zoster
I
Impotenza
Insetti
Insonnia
Iperplasia prostatica benigna
Ipotiroidismo 
Ipertensione
Ipertiroidismo
M
Mal di denti
Mal di gola
Mal di pancia
Mal di schiena
Mal di testa
Menopausa
Mestruazioni dolorese
Micosi dei piedi
Micosi delle unghie
N
Nausea e vomito
O
Onicomicosi
P
Pelle secca
Pidocchi
Polmonite
Punture di insetti
Punture di zanzara
R
Raffreddore da fieno
Raffreddamento 
S
Scottature
Sinusite
Sonno
Sovrappeso
Stanchezza
Stress
T
Tosse
V
Verruche

Come raccogliere e far seccare in modo corretto le piante medicinali
 
1. Raccogliere e tagliare le foglie, i fiori o gli steli preferibilmente in una mattina secca e soleggiata (senza rugiada). Evitare comunque il sole troppo caldo (per es. tra le 10 e le 14), perché la pianta si protegge e immagazzina alcune delle sue proprietà all'ombra, lontano dal sole.
Inoltre bisognerebbe raccogliere le piante quando il tempo è secco e, se possibile, lontano da zone inquinate, come le strade e i campi coltivati​​.
La pianta, o le sue parti desiderate, andrebbero poi tagliate in modo netto con uno scalpello o un coltello, lavate con acqua fredda e infine asciugate.

2. Asciugare la pianta o le sue parti raccolte (foglie, steli,...) in un luogo ben ventilato e all'ombra, appoggiandola possibilmente su carta pulita, e non su un giornale (l'inchiostro da stampa potrebbe contenere sostanze nocive). L'ideale sarebbe in realtà utilizzare un essiccatore, che potete voi stessi costruire con un telaio di legno e una zanzariera. In ogni caso, sulla carta o sull’essiccatore, la pianta va collocata su un unico strato.

3. Una volta asciugata (dopo pochi giorni), va conservata in un contenitore pulito e ben chiuso, che protegga dalla luce e, se possibile, in un locale ben aerato.
Mettere un'etichetta sul contenitore per sapere di quale pianta si tratta. Evitare inoltre di conservare la pianta essiccata in un sacchetto di plastica, a causa dei noti effetti di questo materiale sulla nostra salute. Sono di gran lunga da preferire sacchetti di carta, scatole, sacchetti di stoffa.

 
Informazioni sulla redazione: questo articolo è stato modificato il 16.04.2014.